Morire di questi tempi

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Voglio raccontarvi una storia.
Questa mattina una famiglia si sveglia, pronta per un’altra bellissima giornata di quarantena, un po’ annoiati ma con tanta pazienza e due bambini si va avanti e si affrontano i problemi con il sorriso sulle labbra.
Ad un certo punto della mattinata, il papà inizia ad avvertire un po’ di pesantezza sulla spalle ed un po’ di magone da buttare giù.
La moglie e i figli allora ridono e scherzano, lo prendono in giro fino a che il papà comincia ad avere qualche piccola difficoltà respiratoria.
La moglie allora per restare tranquilla decide di chiamare i soccorsi, perché come ogni cittadino sa, quando ci sono delle difficoltà esistono molti numeri da chiamare, il 113, 112, 115 tutti pronti a darci sicurezza e salvarci.
Questa mattina toccava chiamare il 118, la moglie lo chiama, 2 minuti, 5 minuti, 15 minuti poi finalmente rispondono
“Pronto signora, no qui siamo la centrale di Napoli le deve parlare con la centrale di Giugliano L, le inoltriamo la chiamata”
2 minuti, 5 minuti, 15 minuti finalmente rispondo.
“Pronto signora, suo marito cos’ha? Quanti anni ha? Ha già altre patologie? Come fa a dire che le manca il fiato? Fuma? Che lavoro fa? Ha altri sintomi? Lei è sicura che le manca il fiato? Ha febbre? Ha tosse?”
Quasi 15 minuti per prendere la telefonata ed inviare la prima ambulanza disponibile.
Nel frattempo sono passati 45 minuti, il marito guarda la moglie e lei si accorge subito che lui non respira. Urla, cerca aiuto chiama la sorella ed il nipote. Il marito non respira.
Sono arrivato lì dopo pochi minuti, il marito era steso sul letto. I due bambini chiusi in camera per proteggerli da quella scena che nessuno di noi meriterebbe di vedere.
Ho spinto sul suo petto, ho spinto, ho spinto ancora con tutta la forza che avevo, fino a che i soccorsi sono arrivati, dopo un ora o poco più da quando era stato lanciato l’allarme.
“Non c’è nulla da fare”.
Il marito non respirava.
Il marito era mio zio.
Ha lasciato una moglie, due bambini. 44 anni.
Forse i soccorsi non avrebbero potuto fare nulla. Forse. Però ora mi chiedo come sarebbero andate le cose se fosse arrivato qualcuno subito.
L’ospedale dista a piedi 7 minuti. Correndo sarei arrivato in meno di 5.
La colpa, certo non è di nessuno.
Ma la responsabilità, di chi è?
Come facciamo a dormire tranquilli se sappiamo che in caso di emergenza non c’è nessuno che ci aiuti.
Non si può morire così.
Non si può vivere così.
25/03/2020
Ciro

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

1 commento su “Morire di questi tempi”

  1. Thanks for every other informative blog. Where else may just I get that kind of information written in such a perfect manner? I have a undertaking that I’m simply now running on, and I have been on the glance out for such info.|

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *